Alcune teorie storiche, leggende e curiosità sul nome di CAMARO presso Messina

 

Veduta di Camaro superiore.JPGVi sono tante leggende e storie sulle origini di questo “strano” nome o termine, cioè CAMARO, che è stato dato al (per noi unico e bellissimo, oltre che ricco di cultura) quartiere della città di Messina.

Vi citeremo alcuni risultati e curiosità che abbiamo trovato, facendo alcune ricerche su libri e testi, anche antichi.

Innanzitutto diciamo, che il nome CAMARO, in latino è Camàris – Cammàrae, mentre nel dialetto siciliano, diviene Camàru, Cammàri, e gli abitanti Cammarròtu o Cammaròti.

Il quartiere di Camaro superiore (in quanto esiste anche un Camaro inferiore), come abbiamo già detto in altri articoli, prende il nome dal famoso e omonimo Torrente siciliano, che nasce sui Monti Peloritani, e dopo che attraversa tutta una ricca Vallata, compreso il quartiere di Camaro (chiamato anticamente Casale), arriva sino alla vicina città di Messina, sino a sfociare a mare. Il Torrente Camaro, fa parte dell’ iconografia di una famosa Fontana, quella di Orione del famoso artista Montorsoli, insieme ad altri tre grandi Fiumi, come il Tevere, l’ Ebro ed il Nilo. Questa Fontana, veniva alimentata dalle acque del Camaro.

Per quanto riguarda il nome Camaro, vi sono alcuni dubbi ed incertezze sulle sue origini, spesso viene confuso con il toponimo (che è il luogo geografico e lo studio dei nomi) di Zaera.

Vi sono due proposte o teorie storiche, di cui una di Giovanni Alessio, che si basa su un origine Greca, e l’ altra di Giovanni Battista Pellegrini, che si basa invece su una origine Araba.

Giovanni Alessio, in un suo saggio spiega che il nome Camaro, potrebbe derivare da una voce greca, che tradotta suona come (Cammàrion), che è il diminuitivo della voce greca che tradotta suona (Cammàros, Cammàris), che è una specie di pianta velenosa, l’ aconito, come il bovese Cammari, cespuglio di “Euphorbia” alto da 2 a 3 metri.

Altre proposte, sempre derivanti su queste tesi delle piante, esistono anche più antiche.

La proposta del Pellegrini, quella diciamo araba, afferma che la derivazione viene dal termine arabo Himar cioè “asino”, e ad altre derivazioni come asinaio, mulattiere ecc. che non sto a elencare.

Quindi per riassumere, diciamo soltanto che sul nome di Camaro, esistono tra le altre, una tesi greca che dice, che identificherebbe il fitonimo Euphorbia Dendroides che è una pianta, che con la sua diffusione, avrebbe tipizzato anticamente tutta la Vallata, da qui l’ origine del nome. Mentre l’ altra tesi, quella di origine Araba, con la derivazione del nome di asino, animale, che anticamente, veniva allevato in spazi riservati, anche per riproduzione, che avrebbe caratterizzato il territorio della Vallata.

Altra curiosa leggenda è, quella dei giganti Cam e Rea (notate l’ assonanza dei nomi con Camaro), la coppia fondatrice della città di Messina, che solo dopo, vennero richiamati come Mata e Grifone.

Altra interessante teoria è, quella del filologo Giuseppe Vinci, dove da antichi scritti si accenna a delle “camere” nel casale di Cammari. Il Vinci, scrive che queste “camere”, potrebbero essere antiche piccole grotte, che erano diffuse sulle pendici collinari della Valle, oppure delle “camerelle”, piccoli ambienti abitati anticamente da eremiti, che vengono accennati nelle tradizioni locali.

Comunque, purtroppo, ancora vi sono molti dubbi e incertezze sull’ origine del nome Camaro, ma ciò non influenza minimamente, tutta la passione ed il bene, che i Cammaroti hanno verso la loro terra.

 

Arrivederci a tutti


Alcune teorie storiche, leggende e curiosità sul nome di CAMARO presso Messinaultima modifica: 2010-06-24T15:18:34+00:00da kigei
Reposta per primo quest’articolo

7 pensieri su “Alcune teorie storiche, leggende e curiosità sul nome di CAMARO presso Messina

  1. ciao orazio hai proprio ragione se ci andava una squadra di blogger faceva bella figura…perlomeno cercava di non farsi buttare fuori al primo turno…lippi è stato troppo sicuro di se e la squadra non c’era proprio
    vabbè ormai è andata rode ma non si può cambiare il risultato
    un abbraccione a te e gianfranco e buon week end..
    dif

  2. ciao a tutti! riguardo l’articolo sull’origine del nome Camaro, ritengo che derivi dal greco Kamara, cioè tutto ciò che è provvisto di una copertura, e potrebbe indicare un’antica area di culto quale la necropoli scoperta nel 1986 a Camaro Inferiore.

Lascia un commento