Antichi proverbi di Messina e provincia con iniziale I, L e M – per riflettere sull’ antica saggezza dei nostri Antenati

 

AMICI 3 ridotto.jpgAlcuni di questi antichi proverbi sono tratti dal libretto di Romano Lamberti a cui vanno i nostri ringraziamenti, intitolato “I proverbi dell’ antico Bauso”.

Tutto questo può servire per far apprezzare ai giovani di oggi la grande saggezza dei loro e nostri antenati, oltre che per tenere memoria di un dialetto, quello di Messina e provincia, che sembra voglia scomparire del tutto.

(I proverbi, sono volutamente lasciati senza traduzione).

Proverbi con la lettera “I”.

Iacqua, cunsigghi e sali, senza dumannati non ne dari.

I cosi longhi, diventunu seppi.

I mura, non hannu ricchi e sentunu, non hannu occhi e vidunu.

I difetti da zita, si mucciunu ca doti.

I soddi ti levunu d’imbrogghi.

I cosi di nenti, facitili nenti.

 

Proverbi con la lettera “L”.

L’ amuri e come u tritrolu. Cumincia duci e finisci amaru.

L’ abburu si drizza quannu e picciriddu.

L’ ebba chi nun si canusci non si cogghi.

L’ arma cchiù micidiali è a pinna.

Lignu siccu non fa fumu.

L’ occhiu du padruni ‘ngrassa u cavaddu.

L’ uttumu inchi a pignata.

L’ abitu non fa u monacu.

L’ omu è cacciaturi.

 

Proverbi con la lettera “M”.

Mali nun fari, scantu non aviri.

Maritati e muli, lassatili suli.

Matinata fa iunnata.

Megghiu manciati di cani, ca cianciuti di cristiani.

Megghiu moriri e lassari, ca viviri e disidirari.

Megghiu l’ovu oggi, chi dumani a iaddina.

Munti cu munti non s’incontrunu mai.

Megghiu un ionnu da liuni, chi centu di pecura.

Mentiti chi megghiu i tia e peddicci i spisi.

 

Potete leggere gli altri proverbi se Vi fa piacere, cercandoli nella colonna laterale a destra.

Arrivederci.

 

Antichi proverbi di Messina e provincia con iniziale I, L e M – per riflettere sull’ antica saggezza dei nostri Antenatiultima modifica: 2011-02-07T12:39:00+00:00da kigei
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento