Gli Antichi Proverbi di Messina e Provincia – antica saggezza popolare

 

Proverbi dialettali messinesi con (N – O – P).

Alcuni di questi proverbi antichi, sono tratti dal libro di Romano Lamberto, a cui vanno i nostri ringraziamenti, intitolato “I proverbi dell’ antica Bauso”.

Tutto questo può servire per far apprezzare ai giovani, la saggezza dei loro antenati, oltre che per tenere memoria di un dialetto, quello di Messina e provincia, che sembra voler scomparire del tutto. (I proverbi sono volutamente lasciati senza traduzione).

 

Proverbi con l’iniziale “N”.

Na nuci ‘nto saccu non fa rumuru.

Nenti sacciu, ti leva d’impacciu.

Niru cu niru non tinci.

Non rimannari a dumani chiddu chi poi fari oggi.

Non è tutt’oru chiddu chi è luce.

Non sconcicari u cani chi dommi.

Na botta o ciccu e una o timpagnu.

Non ciccari chiddu chi non poi truvari.

Non diri all’amicu quantu sai, pensa si un ionnu, pi nemicu l’avrai.

Non è poviru cu avi quantu ci basta.

Non lassari u picca p’assai, picchi tuttu piddirai.

Non mèntiri l’acqua ‘nto panaru.

Non si cancia facci pi soddi.

Non si po dommiri e fari a vaddia.

Non si po pigghiari u celu a pugna.

Non ‘trasiri cani intra, chi si pottunu l’ossa fora.

Non veni ionnu che non veni sira.

Non fari nenti si voi non mi si sapi nenti.

Non c’è mottu senza ridiri, non c’è matrimoniu senza cianciri.

Non c’è amicizia senza scopu.

Na bedda iunnata non fa stati.

‘Nte paisi unni vai, comu vidi fari, fai.

Nuddu si pigghia si non s’assumigghia.

 

Proverbi con iniziale “O”.

Occhi chi aviti fattu cianciri, cianciti.

Occhiu non vidi, cori non doli.

Ogni lignu avi u so fumu.

Ogni mali non veni pi nociri.

Ogni ciuri è signu d’amuri.

Ogni figateddu i musca, è sustanza.

Ogn’unu avi i so guai, cu cchiù picca, cu cchiù assai.

Oggi pensu iu, dumani pensa Diu.

O caru cattici, o mircatu pensici.

Opa di Marzu e sadda d’Aprili.

O picciriddu chi fa i canini chiamatici i parrini.

Omu di vint’ottu e fimmina di diciottu.

O sceccu chi non voli ‘mbiviri, è inutili chi ci frischi.

O ti manci sta minestra o ti ietti da finestra.

 

Proverbi con iniziale “P”.

Passannu a quarantina, un mali ogni matina.

Patti avanti e amicizia longa.

Pessichi e girasi, amara dda panza chi pani non ‘ntrasi.

Pi un piccaturi si peddi na navi.

Prima è masticari feli, si voi ghiuttiri meli.

Pigghia a rascia du ‘to munnizzaru, chi all’annu diventa oru.

 

Se vi fa piacere, leggete anche gli altri proverbi in dialetto, su questo stesso blog, li trovate facilmente nella colonna di destra.

A presto.

 

Gli Antichi Proverbi di Messina e Provincia – antica saggezza popolareultima modifica: 2011-04-03T13:00:00+00:00da kigei
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Gli Antichi Proverbi di Messina e Provincia – antica saggezza popolare

Lascia un commento