Bei tempi gli anni Ottanta a Camaro

Bei tempi gli anni Ottanta a Camaro… chissà quanti di voi li ricordano con un po’ di nostalgia.

Ricordo che eravamo spensierati e che ci trovavamo spesso a giocare al pallone, al famoso e mitico “ghianachiesa” (spero che si scriva così), che era un piccolo spiazzale fatto in mattonelle dove ogni caduta poteva voler dire ossa rotte per noi giovani. Ricordo anche che quelle partite li giocavamo quasi con battaglie all’ultimo sangue, con grande voglia, antagonismo e grande amicizia. Poi quando si ritornava a casa la sera, sporchi, sudati e pieni di lividi iniziavano i rimproveri e le botte da parte dei genitori ma noi eravamo felici, perché quel giorno avevamo vinto la nostra “battaglia con la vita”, cioè la nostra partita di pallone.

Bei tempi gli anni Ottanta a Camaro, quando sfrecciavamo con quei motorini che adesso farebbero ridere qualunque adolescente moderno ma che allora, quando passavamo con tutti gli amici motorizzati con “Ciao”, “Bravo” e “Si” elaborati fino all’osso da un cammaroto Doc e che si impennavano solo per la potenza, davanti alla gente che rimaneva a bocca aperta. Ogni giorno vi era una sfida per far vedere chi aveva il motorino più veloce, si riusciva a toccare anche i 130 chilometri orari con quegli “ammassi di lamiera”… che tempi.

Bei tempi gli anni Ottanta a Camaro, quando in piazza si ritrovavano le macchine – Discomusik, ovvero le due o tre macchine piazzate con impianti stereo “strapazzeschi”, che allora nessuno poteva immaginare e si iniziava a ballare in strada. Dopo si continuava a ballare al mitico Kaya Club, che era diventato molto frequentato e famoso in quegli anni mettendo la migliore Disco music degli anni Ottanta. Anche se non conoscevamo computer e cellulari eravamo felici, perché avevamo la massima tecnologia in fatto di musica e suoni.

Bei tempi gli anni Ottanta a Camaro, quando per andare a mare in Estate si aspettava il treno delle 13, 20 o delle 14,20 che arrivava nella Stazione del paese, per portarci nelle spiagge di Villafranca, Rometta, Spadafora o Venetico marina. Ricordo ancora i muretti della Stazione pieni di gente che veniva anche dal Nord per le vacanze estive a Camaro e di cammaroti, che nell’attesa del treno si scambiavano occhiate e cenni, si conoscevano, si parlava. Chissà quanti flirt e storie di amore avrà sentito e visto il muretto della Stazione di Camaro? Quante coppie si sono formate su quel treno per il mare? Almeno di due o tre sono stato testimone io stesso, coppie che adesso sono sposate e con tanti bellissimi figli.

Bei tempi gli anni Ottanta a Camaro, quando ci ritrovavamo alla “Strada nuova” o quando si saliva alla bella e verde Madunnuzza a piedi. Quando si andava al cinema o a “sconcicare” sul Viale San Martino sempre a piedi in carovane di 30 o 40 persone.

 

Bei tempi gli anni Ottanta a Camaro, quando… beh!

Mi farebbe piacere che questa altra storia la aggiungessi Tu! Si proprio Tu che hai nostalgia come me e come tanti, continua questo racconto scrivendo un commento sotto, un tuo ricordo, una tua storia di quegli anni…

 

Scritto da un Cammaroto “nostalgico”

 

Un saluto dalla Redazione

 

Bei tempi gli anni Ottanta a Camaroultima modifica: 2012-05-26T13:15:00+00:00da kigei
Reposta per primo quest’articolo

5 pensieri su “Bei tempi gli anni Ottanta a Camaro

  1. Be’ anche se non sono originario di Camaro, anche io ho nostalgia di quei tempi visto che ho trascorso la mia adolescenza proprio a Camaro, con il mio Bravo Piaggio rosso ( e cu mi sintia), con la prima fidanzatina, con le feste al club Kaya e con la conoscenza di chi adesso è mia moglie e mi ha dato la gioia di una bellissima figlia!!! Un saluto a tutti gli amici di Camaro!!!

    Questo è uno dei commenti lasciati sulla nostra pagina Facebook della Vallata del Camaro da un caro Amico nostalgico degli anni Ottanta vissuti nel nostro bel Quartiere. Lui è Carmelo R. che salutiamo e ringraziamo. Vi ricordo che potete lasciarli anche qui direttamente i vostri commenti.

  2. Insomma io mi ricordo la piazzetta con qualche tossico e le feste del paese con 2 bancarelle appena,cmq adesso vivo all annunziata ma nel mio cuore a distanza di anni ho realizzato che Camaro mi manca tantissimo la piazza la chiesa vecchia le strade ma soprattutto la vallata con i suoi colori rilassanti,sarò sempre una cammarota doc, ciao.

    Questo sopra è uno dei commenti lasciati sulla nostra pagina di Facebook della Vallata del Camaro da un caro Amico nostalgico degli anni Ottanta del nostro bel Quartiere. Lui è Angelo V. che salutiamo e ringraziamo. Vi ricordo che se volete potete lasciarli anche qui direttamente i vostri commenti.

  3. Io ricordo degli anni 80 le cose più belle gli amici Giovanna Raffa e company, le feste da Lory, il mare a Spadafora bellissimo e pure se era sporco chi se ne fregava, le passeggiate sù e giù…..
    una maglietta, un pantaloncino, le infradito belline per uscire, non serviva altro…….
    un saluto a Orazio, Gianfranco e gli altri che partecipano
    Ciao Giovanna Gatto da BG

Lascia un commento