La poesia di un abitante della Valle del Camaro a Messina – ovvero Mpari Jacupu u Pasticceri

(poesia)

Sugnu mpari Jacupu u pasticceri

e iaiu nto me cori a me figghiu e a me mugghieri

sugnu mpari Jacupu u pasticceri

e mi ni vaiu facennu u cabarettista pedi pedi.

Sugnu Cammaroto e mi ni vantu

e prego a S. Jacupu u nostru Santu.

Ogni matina minni vaiu a travagghiari,

pi puttari a casa cacchi cosa pi manciari.

Qannu mi mettu a pregari a lu Signuri,

ci dicu che vogghiu saluti e amori.

Iaiu na matri, nu patri, na soru e quattru frati,

chi ci raccumannu sempri a Vergini Matri.

E pi finiri sta littra ci voli l’ attista!

Si, sugnu sempri iò, Mpari Jacupu u Cabarettista,

ora non iaiu chiu nenti i cuntari,

Vi vogghiu sulu salutari, luvannumi d’avanti

e pregu pi Vui a Santo Lubbiranti.

 

Grazie da:

Mpari Jacupu u pasticceri

 

AMICI 3 ridotto.jpgCarissimi Amici lettori Cammaroti e non, Noi della Redazione, ci siamo riuniti in “seduta straordinaria”, perché ci è arrivata tra le mani questa “struggente” e meravigliosa poesia. Durante un accorato e battagliato dibattito tra di Noi dell’ associazione “Amici di Santiago i Figli del Tuono”, per la pubblicazione o meno di questa “Perla di saggezza”, si è stabilito ai voti, ed io aggiungo (con grande sofferenza), che non potevamo assolutamente tenerci per Noi, questo autentico capolavoro quasi “Leopardiano”, e quindi invitiamo tutti gli Amici, a leggere col cuore questa meravigliosa “SCHIFEZZ…”, ehm…volevamo dire straordinaria poesia dal tono elevato! L’ Autore è il nostro Amico Cammaroto Mpari Jacupu u Pasticceri, che tutti Noi ringraziamo col cuore e “magari”, se lo volete con dei pomodori e delle verdure marce…virtuali si intende!!!

 

Un saluto dalla Redazione ancora frastornata!

La poesia di un abitante della Valle del Camaro a Messina – ovvero Mpari Jacupu u Pasticceriultima modifica: 2010-04-02T18:20:37+02:00da kigei
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “La poesia di un abitante della Valle del Camaro a Messina – ovvero Mpari Jacupu u Pasticceri

  1. Grazie per la seduta straordinaria so che avete fatto riunione di gabinetto ma scusatimi tantu pi no sapiri i cazzi vostri iautru postu no na viu giustu giustu to cabinettu aviu a fari a riunioni chissacciu ta stanza i pranzu no era megghiu e poi quali capolavoro leopardianu era la tigre della malesia cosi di l’autru munnu comunque con queste battute MPARI JAPUCU RINGRAZIA LA REDAZIONE

Lascia un commento