Storia e archeologia a Camaro (Messina)

La nostra grande passione e curiosità verso il nostro simpatico e allegro Quartiere di Camaro, ci ha portato a trovare un interessante brano in un libro che parla di antiche e misteriose civiltà, che vivevano sul nostro territorio molto tempo fa. È sempre affascinate parlare della nostra storia e delle nostre radici, e quindi abbiamo pensato di pubblicarlo sul blog.

Questo brano che trovate sotto, è tratto dal libro Storia e Civiltà di Messina a cura di Giovanni Molonia, Edizioni GBM.

Brano tratto dal libro Storia e Civiltà di Messina.

Un rinvenimento eccezionale è stato effettuato nel 1991 in località Camaro – Sant’Anna, un basso pianoro situato sul corso alto della fiumara Zaera, dove sono stati rinvenuti due idoletti “a violino” in pietra grigia filladica che presentano una strettissima affinità tipologica con esemplari dalle isole Cicladi e dall’Anatolia (Beycesultan) databili intorno al 2800 – 2700 a.C.

La presenza di questi idoletti in un contesto di tipo culturale-funerario realtivo alla facies di Piano Conte (eneolitico avanzato) suscita problemi di grande rilevanza. Qui basti dire che si pone l’evidenza di rapporti diretti tra questa parte della Sicilia ed alcune aree dell’Egeo collegate tra loro da una rotta importante che attraversava lo Stretto di Messina. È probabile che l’interesse degli antichi navigatori per l’area dello Stretto sia determinato, allo stadio iniziale dell’età dei metalli, dalle risorse dei distretti minerari dei monti Peloritani la cui importanza nell’antichità deve probabilmente essere considerata.

Un saluto.

 

Storia e archeologia a Camaro (Messina)ultima modifica: 2011-11-03T15:05:17+01:00da kigei
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento