Antichi Proverbi di Messina e Provincia con la lettera A – per riflettere un po’

AMICI 3 ridotto.jpgAlcuni di questi proverbi antichi, sono tratti dal libro di Romano Lamberto, a cui vanno i nostri ringraziamenti, intitolato “I proverbi dell’ antica Bauso”.

Tutto questo può servire per far apprezzare ai giovani, la saggezza dei loro antenati, oltre che per tenere memoria di un dialetto, quello di Messina e provincia, che sembra voler scomparire del tutto. (I proverbi sono volutamente lasciati senza traduzione).

Proverbi con la lettera “A”


Ad abburu cadutu, tutti currunu a fari ligna.

A facci raggiata, teni a bucca sirrata.

A cantari aceddu, a parrari u ciriveddu.

A porta è apetta pi chiddu chi potta.

A fimmina chi ridi, non ci aviri fidi.

A fimmina è comu u iattu, cchiù l’allisci e cchiù a cuda crisci.

A Cannalora ogni ‘nvernu nesci fora.

A iaddina fa l’ovu e o iaddu ci brucia u culu.

A lingua è u specchiu du stomucu.

A lingua non avi ossa e rumpi l’ossa.

A gnuranza è cchiù forti da ‘ntiligenza.

Amuri, ricchizzi e dinari, sunnu tri cosi chi non si ponnu mmucciari.

A preta disprizzata, ‘po divintari cantunera i muru.

A muggheri du ladru, non ridi sempri.

A risata senza ragiuni, o è di pacciu o di minchiuni.

A schizzera preccia a petra cchiù dura.

A rosa chi non è vaddata, o è ciauriata, o cugghiuta o spampanata.

A mala ebba non mori mai.

A vecchia avia cent’anni e ancora avia ‘nsignari.

A rigina appi bisognu da vicina.


(nella colonna di destra nella sezione Arte e Cultura trovate altri proverbi in ordine alfabetico).

Un saluto dalla Redazione

 

Antichi Proverbi di Messina e Provincia con la lettera A – per riflettere un po’ultima modifica: 2012-01-07T17:50:00+01:00da kigei
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento