Alcuni fiumi Sacri della Sicilia tra storia e culto delle acque vitali

fiumi in sicilia, camaro, messina, arte, cultura, paesaggio, storiaIn questo articolo parleremo in modo breve dell’acqua, questo prezioso e importantissimo elemento naturale che è anche un grande simbolo per tutti noi, alla quale dobbiamo tutto compresa anche la nostra stessa esistenza e della quale noi uomini che ci crediamo “civili” per ringraziarla, spesso e volentieri c’è ne freghiamo delle sue strazianti grida di dolore e di aiuto, inquinandola e “violentandola” in tutti i modi come peggio possiamo con montagne di immondizia e milioni di barili di petrolio e olio versato nei mari e negli oceani.

L’acqua era spesso considerata nell’antichità e nella mitologia un elemento davvero importante soprattutto per la fecondità delle giovani donne. Secondo la tradizione Ellenica degli antichi Greci, poi ripresa anche dagli antichi popoli Siculi, l’acqua è la chiave di svolta che permette di capire anche alcuni valori della spiritualità levantina della popolazione siciliana che in essa hanno trovato gli elementi principali in storie e racconti di miti, magie e miracoli vari. L’acqua è sempre stata considerata l’elemento Sacro per eccellenza. Dal Libro della Genesi, si ricava l’immagine dello Spirito di Dio che alloggia sulle acque. Queste sono come secondo universali credenze, origine e veicolo di ogni forma di vita.

Il culto dell’acqua, riuscì a mettere radici profonde anche nella nostra antica e bella “Trinacria”, la Sicilia come veniva chiamata anticamente. Basta pensare che è presente in molti se non tutti i grandi miti e le leggende siciliani, che parlano della storia della nostra bella isola, baciata dal sole e abbracciata tutto attorno dalle calde acque. Antiche leggende come quella di Aci e Galatea, o quella di Cola pesce, fino ad entrare prepotentemente nei culti sacri e cristiani della Sicilia. Nella città di Siracusa per esempio in onore delle Ninfe delle acque, si tenevano grandi festini e i fedeli bevevano vino e danzavano per delle notti intere intorno alle loro statue. Nella città di Catania è stata trovata una iscrizione dalla quale risulta che l’acquedotto cittadino era consacrato alle Ninfe. Tra di loro, c’era anche la ninfa Aitna, molto celebrata e famosa e sembra che il suo nome abbia qualcosa a che fare con l’origine del nome del famoso Vulcano Etna, per via della sua similitudine. Anche nelle antiche monete come in altre città, troviamo vari simboli dedicati alle acque. A Catania, ancora oggi, in un angolo della centralissima Piazza Duomo, di rimpetto al complesso Statuario formato dall’obelisco di pietra sormontato sul celebre Elefantino, simbolo della città stessa, ad un ninfeo dove trionfano le acque del fiume Amenano, conosciuto comunemente col nome di “l’acqua a linzolu”. Nella nostra bella città di Messina, le acque del fiume Camaro, anticamente navigabili e ora ristrette a semplice e piccolo torrente, sono intensamente radicate nel mito e nella storia di Messina. Proprio nella stupenda Piazza del Duomo della città sullo Stretto, nel 1553 il grande artista Giovan Angelo Montorsoli, realizzò la Fontana di Orione.

 

fiumi in sicilia, camaro, messina, arte, cultura, paesaggio, storia

In questa meravigliosa opera d’arte cinquecentesca, le vitali Acque di quattro importanti e storici fiumi, vengono raffigurate con sembianze umane (Allegoria) e divinizzate per il grande contributo dato all’umanità. Questi quattro fiumi sono il Nilo, il Tevere, l’Ebro e con un po’ di orgoglio anche il nostro piccolo fiume Camaro (qui in alto vediamo un particolare del fiume Camaro rappresentato nella fontana di Orione), che alimenta con le sue acque anche questa opera. Ad Agrigento, si onora il fiume Akragas, che era il figlio di Zeus e della ninfa Oceanide Asterope e dal quale poi prende il nome anche la città siciliana. Anche nella città di Gela, si onorava il proprio fiume Gelas, mentre a Palermo, su delle antiche monete, compariva l’effige di un antico fiume sacro.

Quindi, un piccolo appello dalla Redazione di Amici di Santiago i Figli del Tuono:

Impariamo ad amare e rispettare col cuore questo fondamentale elemento che è l’acqua, magari anche parlandone ai nostri bellissimi figli e ai nostri nipotini.

Grazie e un saluto a tutti i lettori.

 

Alcuni fiumi Sacri della Sicilia tra storia e culto delle acque vitaliultima modifica: 2012-02-25T14:17:00+01:00da kigei
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento