Antichi proverbi messinesi che iniziano con la lettera D, F e G

 

Alcuni di questi proverbi antichi, sono tratti dal libro di Romano Lamberto a cui vanno i nostri ringraziamenti, intitolato “I proverbi dell’ antica Bauso”.

Tutto questo può servire per far apprezzare ai giovani la saggezza dei loro e nostri antenati, oltre che per tenere memoria di un meraviglioso dialetto, quello di Messina e provincia, che sembra voler scomparire del tutto. (I proverbi sono volutamente lasciati senza traduzione).

 

Proverbi con iniziale D

Di cosi cuntati, picca ni criditi e megghiu faciti.

Di chiddu chi vidi, cridini picca, di chiddu chi senti cridini nenti.

Di l’amicu mi vadda Diu, du nimicu mi vaddu iu.

Diu nni vadda di l’omu chi vadda ‘nterra e da fimmina chi vadda all’ aria.

Dici u parrinu da Massa, senza dinari nun si canta missa.

Di tutti pigghia i cunsigghi ma i toi ne lassari.

Dimmi cun cu vai e ti dicu cu si.

Dopu na mala annata, simina.

Du iaddi ‘nto iaddinaru, non ponnu stari.

 

Proverbi con iniziale F

Fa beni e scodditi, fa mali e pensici.

Fai prestu, chi a cira squagghia.

Fa cchiù mali na freccia puntata, ca una tirata.

Figghi picciriddi, guai picciriddi, figghi ranni, guai ranni.

Fimmini e ventu, canciunu ogni mumentu.

Fimmini e iaddina, si peddi si troppu camina.

Focu di pagghia dura picca.

Fra u diri e u fari, c’è di menzu u mari.

 

Proverbi con iniziale G

Gira gira, a faffalla, mori ‘nta lumera.

 

Se volete leggere altri proverbi, cercateli nella colonna a destra nella Rubrica (Camaro – Arte e Cultura).  

Per il momento ci fermiamo qui, arrivederci.

 

Antichi proverbi messinesi che iniziano con la lettera D, F e Gultima modifica: 2012-03-20T13:50:00+01:00da kigei
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento